Reportage

Stromboli in bianco e nero...
17 11 2017
Stromboli in bianco e nero...
Autumn Fest
13 11 2017
Festa Celtica
Hallstatt, patrimonio dell'Unesco
11 11 2017
Hallstatt, è un paesino che si trova nel distretto di Gmunden, in alta Austria, a circa mezz'ora di auto da Salisburgo. E' un paesino talmente bello e caratteristico che è entrato a far parte del patrimonio dell'Unesco... e come dargli torto?? Per arrivarci, dovrete percorrere una strada in mezzo ai boschi, con a tratti alcune abitazioni montane; arrivati a uno svincolo inizierete a costeggiare il lago e a un certo punto entrerete in una galleria che sbucherà proprio ad Hallstatt. Ovviamente all'interno non è possibile circolare in auto, salvo i residenti, quindi dovrete cercare un posto nei parcheggi appena fuori il centro storico. Uno molto comodo è situato sotto la cremagliera che porta alle miniere di sale e alla vista panoramica. Ebbene si, Hallstatt è famoso anche per le sue miniere di sale, da cui prende il nome; infatti in celtico la parola Hall parrebbe voler dire sale. I primi insediamenti della zona, risalgono al VI millenio a.C, quando venne scoperto un enorme cimitero preistorico proprio vicino all'odierno villaggio. Nel 1311 Hallstatt divenne una città mercantile, ma fino al XIX era raggiungibile solamente tramite il lago e stretti sentieri montani. La prima vera strada per Hallstatt, venne costruita nel 1890, lungo la costa occidentale. Per la visita alle miniere del sale, vi verranno date delle tute da minatore, che dovrete indossare obbligatoriamente; in più sono consigliate scarpe adatte per camminare in sentieri non propriamente comodi. Inoltre non potrete portare con voi zaini e borse troppo ingombranti. Le miniere le ho trovate davvero molto commerciali e turistiche, la visita guidata (non sperate nell'italiano, solo inglese e tedesco) dura circa un'ora, si raggiunge l'interno a piedi, si scende molto in profondità tramite degli scivoli in legno, durante i quali vi verranno scattate delle foto che poi potrete acquistare all'uscita. Tutto il percorso è interamente digitalizzato, con filmati e musiche; penso sia adatto sorpattutto a famiglie con bambini. Alla fine del percorso, salirete su un vecchio trenino da minatore che vi ricondurrà all'uscita. Il biglietto d'ingresso lo potrete fare comulativo con quello per la cremagliera, sempre che non vogliate farvi una scarpinata a piedi. Ora non ricordo di preciso il costo, ma salita + discesa + miniere dovrebbe essere costato sui 30 euro. Diciamo che non è propriamente economico. Una volta terminata la visita ai "piani alti", potrete incamminarvi verso il centro di Hallstatt. Come ho detto prima, non sarà possibile circolare in auto; per arrivare in centro, si percorre una strada che costeggia il lago, dove potrete fermarvi a noleggare delle barchette o dei pedalò per fare il giro in mezzo al lago, oppure aspettare di arrivare al molo per prendere il traghetto che vi farà fare tutto il giro della costa. Le case sono ricche di fiori ed esposti fuori capiterà di vedere cartelli che chiederanno gentilmente di non fotografarle, per rispettare la privacy degli abitanti. Procedendo su questa strada, verrete piano piano investiti dall'unicità di questo meraviglioso luogo e di fatti, ben presto i ristorantini tipici e i negozietti non tarderanno a fare capolino sia a destra che a sinistra della strada principale. Molti si affacceranno direttamente sul lago e vi assicuro che pranzare con sullo sfondo questo meraviglioso paesaggio, vi riempirà di emozioni. Ma il cuore del piccolo villaggio si trova oltre, infatti proseguendo, troverete la piazza principale, con al centro una fontana con una statua e delle panchine su cui riposare e godere della festosità dei locali che fanno da cornice alla piazza stessa; principalmente piccoli bar e gelaterie, qualche negozietto di souvenir e a troneggiare imponente l'hotel più lussuoso di Hallstatt. Pochi passi più in là, una chiesa con un campanile, ci porta sul molo dove potrete prendere il traghetto che vi permetterà di fare tutto il giro del lago. Per chi fosse interessato, i cani possono salire a bordo, basta siano muniti di regolamentare museruola.Se volete vedere il paese nella sua bellezza, lasciatevi la piazzetta del molo sulla destra e prendete la strada in salita che troverete di fronte a voi, percorretela per un bel pezzo fino alla balconata e prendetevi del tempo per ammirare il paesaggio e scattare qualche fotografia. La balconata è sicuramente il punto migliore per fotografare il paesaggio ed è proprio da lì che vengono scattate quasi tutte le foto che troverete in rete. Io stessa ho avuto modo di conoscere questo meraviglioso luogo per puro caso, poprio grazie a una di queste immagini. Tornando indietro invece percorrete la piccola scalinata che troverete sulla destra, a ridosso della roccia; questa,vi porterà verso la chiesa che sovrasta la cittadina, con un piccolo cimitero dove potrete visitare il piccolo ossario che ospita piu di 1200 teschi, ognuno dei quali riporta un decoro con il nome del defunto. Questa pratica è stata ideata dai famigliari dei defunti, dopo che nel 1700 la cittadina si è ritrovata a corto di spazio per seppellire i propri morti, così la chiesa ha iniziato a riesumare i corpi e ad accatastarli all'interno di questa piccola cappella. Prendetevi del tempo per girare il piccolo cimitero; vi renderete conto che la semplicità delle tombe e l'abbondanza di fiori, redono il luogo molto meno cupo rispetto ai nostri cimiteri monumentali. Io personalmente sono stata pervasa da momenti di pace e tranquillità. Dopo la visita all'ossario, potete scendere dalle scale dalla parte opposta da cui siete arrivati, per ritornare al centro della città. Il giro di Hallstatt termina qui. Prendetevi del tempo per visitare le botteghe artigianali e fare qualche acquisto; sedetevi sulle panchine a ridosso del lago e respirate l'aria pulita di montagna. Vi assicuro che se visiterete Hallstatt una volta, vorrete tornarvi ancora e ancora... Io personalmente spero di poterci tornare presto, in quanto lì ho lasciato un pezzo del mio cuore... Buon Viaggio Ottavia
vita
08 11 2017
Coloriamo il cielo
rock 'n roll weddng
08 11 2017
Il vero amore non è un ballo lento... ma vive sulle note del rock 'n roll
Mare...di Sardegna ....
06 11 2017
Alcuni Scatti dedicati al mare della mia terra